Tic Tac Tic Tac…aspetta un minuto! Sei ancora in…Tempo

orologio

Se vi dico Tempo…cosa vi viene in mente?

Il tempo è denaro? Il tempo è tiranno? Chi ha tempo non aspetti tempo?

La verità è che qualunque cosa facciate il Tempo scorrerà sempre nello stesso modo.

Qualcuno obietterebbe affermando che “il tempo è relativo” (ecco un’altra bella frase fatta), e su questo devo ammettere di essere d’accordo.

Gli ultimi 5 minuti prima della campanella sono infiniti; al contrario gli ultimi 5 minuti passati con il proprio amato prima di salutarlo sembrano volare.

In effetti è il nostro Tempo interiore che scorre; l’orologio va sempre alla stessa velocità.

E’ così, noi abbiamo un Tempo interiore, ed è quello che scandisce (e dovrebbe scandire) le nostre vite.

bianconiglio2

Pensateci un momento: dove andate sempre così di corsa con lo sguardo rivolto all’orologio, nemmeno foste i conigli bianchi di Alice?

Andate al lavoro ad esempio: e se tardate di 5 minuti ciò diventa un problema, addirittura un dramma a volte.

Dannazione! Ancora un ritardo! E chi glielo dice al capoufficio adesso? Quello mi licenzia, bene che vada mi scala un permesso oppure stavolta mi toglie proprio i soldi!!”

Vorrei soffermarmi solo un istante su un concetto: ma chi se ne frega se arriviamo 2 minuti dopo quando il nostro lavoro viene ben svolto!

Pensate mai al motivo per cui siete in ritardo potenziale?

Se io fossi un capoufficio prenderei in considerazione l’eventualità che un mio dipendente possa aver tardato perché la sera se l’è “spassata” alla grande (e allora sarei contenta per lui);

oppure potrei immaginare che una mia impiegata abbia tardato perché il suo bimbo aveva bisogno di un altro abbraccio prima di entrare all’asilo (e come potrei prendermela per una motivazione tanto dolce?);

abbraccio

infine chi mi dice se quell’altro dipendente ha tardato perché ha aiutato una vecchietta ad attraversare la strada?

Il punto è che i minuti non contano nulla all’interno di una giornata, conta il modo in cui impiegate quel tempo.

Come viene impiegato il tempo nella nostra società lavorativa?

In nessun posto al mondo e per nessun lavoro al mondo (virtualmente almeno) è necessaria la presenza fisica del lavoratore in un ufficio. Si risparmierebbe tempo, denaro (tanto denaro), smog (tanto smog) e stress (tantissimo stress!).

Eppure persistiamo in una dittatura “temporale”, schiavi delle nostre stesse lancette.

In psicologia fisiologica si studia il cosiddetto “ritmo circadiano”.

Esso non è altro (in parole semplici) che il nostro tempo interiore.

Dopo un certo lasso di tempo, in assenza di indicazioni che possano avvisare le persone che è “arrivato il momento di mangiare e dormire”, il nostro organismo comincia ad andare “per conto suo”.

In sostanza si mangia quando si ha fame e si dorme quando si ha sonno.

Mi pare che basti no?

Fate un piccolo esperimento, senza rischi.

Non vi chiedo di buttare la sveglia né di provare ad alzarvi quando vi pare nonostante quella riunione importante.

Iniziate a provare a non guardare l’orologio nel fine settimana ad esempio.

Noterete che i vostri ritmi saranno più o meno gli stessi di sempre (proprio perché il vostro corpo si regola da solo).

Potreste anche scoprire al contrario che i vostri ritmi esterni (cioè quelli che vi imponete da fuori) sono del tutto disallineati con le vostre esigenze…

Mangiate alle 4 di pomeriggio perché prima non potete proprio fermarvi? Beh…

Andate a dormire alle 2 di notte imbottendovi di caffeina perché prima proprio non potete staccare? 2 volte beh…

Ascoltate il vostro corpo, e se vi dice che ha fame non guardate l’orologio! Mangiate!

Chi se ne importa se sono le 11 del mattino, evidentemente la colazione non è stata sufficiente (magari perché non avevate tempo?).

Se avete sonno alle 9 di sera non dite a voi stessi “non posso andare a dormire così presto”, perché evidentemente il vostro corpo ne ha bisogno.

Insomma, iniziate a provare ad ascoltare voi stessi invece che le lancette. Inizieranno ad accadere cose strabilianti…

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...