Alimentazione vibrazionale

a.v.No, non starò qui a parlarti di calorie o di quanti grammi di carboidrati o proteine necessità un adulto medio.

I 7 punti della consapevolezza e della concretezza fanno tappa importante sull’alimentazione, l’ Amore per se stessi e per tutto l’Universo continua ad espandersi e dopo il primo ed il secondo punto ecco il terzo: Il tuo cibo.

Il tuo istinto ti ha suggerito bene, c’è dell’altro! Altro che devi sapere riguardo all’alimentazione, e cioè la vera essenza di questa parola. Nutrirsi infatti è un termine corretto….ma nutrirsi di cosa?

Noi siamo esseri di luce incarnati in un corpo fisico, denso, fatto di elementi materiali, giusto? Ma la materia di cosa è fatta?

La materia a livello sub-atomico è energia! L’atomo stesso è energia, quindi tutta la materia, sia quella che compone il nostro corpo, sia quella che ci circonda, come spiegato dalla moderna fisica quantistica, non è nient’altro che energia che si attorciglia su se stessa.

Tutto è energia!

Ora la domanda: di cosa hai bisogno per vivere?

Bravo hai fatto centro! ENERGIA.

Quando mangi tu non vivi di ciò che stai mangiando, ma dell’energia contenuta in ciò che mangi!

Quello che la filosofia Yoga chiama Prana: cioè l’energia vitale ed Universale.

Nutrirsi in modo corretto quindi dovrebbe significare assumere energia, dico dovrebbe perchè da 50 – 60 anni a questa parte con l’avvento dell’epoca industriale, devo dire che sulle nostre tavole arriva di tutto ma l’energia scarseggia o è del tutto assente!

VIBRAZIONE DEL CIBO

 orto

La vibrazione dipende da quanto è “vivo” il cibo.

L’ Ing. Simoneton scoprì che tutto possiede una vibrazione, e che questa vibrazione è data dall’energia. Il corpo umano per essere in salute deve avere vibrazioni di 6500/7000 Angstroms (unità di misura usata per determinare le vibrazioni ), di conseguenza il cibo adatto è soltanto quello con elevate capacità vibratorie.

Riporto qui sotto la tabella stilata dall’ Ing. Simoneton, nota a tanti, ma non abbastanza:

 

Colore

Lunghezza d’onda in Angstrom

Infrarosso:7601-9000       

Radiazioni indispensabili per la vita

Rosso: 6201-7600

 

Arancio: 5901-6200

 

Giallo: 5801-5900

 

Verde: 5201-5800

Radiazioni insufficienti per la vita 

Blu: 4501-5200

ma comunque utili

Indaco: 4301-4500  

 

Violetto: 3901-4300 

 

Ultravioletto: 3001-3900

 

Raggi X: 600-3000   

Radiazioni nocive per gli esseri umani

 

Riporto anche l’elenco generico che fece Simoneton degli alimenti:

 Una volta fatte queste considerazioni, l’Ing. Simoneton controllò un gran numero di alimenti che suddivise nelle 4 grandi categorie riportate qui sotto.

Le qualità vibrazionali e vitali dei cibi (3)

1 – ALIMENTI SUPERIORI con vibrazioni sopra i 6500 A: 
tutta la frutta fresca ben matura e relativi succhi (fatti in casa e subito ingeriti), quasi tutti gli ortaggi ed i legumi crudi o cotti con temperatura non superiore ai 70 gradi. Il grano, i farinacei, la farina ed il pane integrale; i dolci fatti in casa, tutta la frutta oleaginosa ed i loro oli essenziali, le olive, le mandorle, i pinoli, le noci, i semi di girasole, le nocciole, la noce di cocco e la soia, il burro freschissimo di giornata, i formaggi NON fermentati, la crema del latte e le uova di giornata.

2 – ALIMENTI DI APPOGGIO, con vibrazioni da 6500 a 3000 A: 
il latte fresco appena munto, il burro normale, le uova non di giornata, il miele, lo zucchero di canna, il vino, l’olio di arachidi e le verdure scottate in acqua bollente.

3 – ALIMENTI INFERIORI, con vibrazioni dai 3000 in giù: 
la carne cotta, i salumi, le uova dopo il 15 giorno, il latte bollito, il the, il caffè, le marmellate, il cioccolato, il pane bianco, tutti i formaggi fermentati. Questi alimenti sono quasi tutti proteici e basta una piccolissima deficienza del fegato o dell’apparato digerente, affinché diventino intollerabili per l’organismo.

4 – ALIMENTI MORTI, senza alcuna vibrazione: 
le conserve alimentari, le margarine, tutte le pasticcerie ed i dolci fatti con farina raffinata e prodotti industriali, i liquori e gli alcolici, lo zucchero raffinato (bianco).
Anche la freschezza degli alimenti è un fattore di primaria importanza. Alcuni procedimenti, che normalmente vengono usati in cucina, alterano o distruggono alcune qualità dei nostri cibi, un esempio ce lo forniscono le pentole a pressione e la cottura in acqua bollente. I cibi cucinati a vapore conservano invece parte delle loro proprietà.
Gli alimenti conservati mediante la “pastorizzazione”, NON contengono quasi più nulla delle loro qualità vibrazionali (irradianti); mentre quando sono trattati con processi disidratanti, le conservano in gran parte”.

DIFFERENZA TRA CIBO INDUSTRIALE E CIBO VERO

Il cibo industriale contiene i nutrienti come carboidrati, proteine, lipidi etc. ma non contiene vibrazioni, in altre parole è cibo morto e non è sufficiente a mantenere la nostra salute, ciò che occorre è:

l’energia vibrazionale di un alimento.

Prima ho accennato ai danni dell’industrializzazione, ebbene mi riferivo proprio a questo: mentre prima la verdura, la frutta erano fresche, ora l’agricoltura intensiva su larga scala fa cose di questo tipo: pianto un campo di zucchine in serra nel mese di novembre, però per risparmiare un po’ lo faccio in Polonia, poi quando le zucchine maturano le riempio di conservanti, le metto in frigo e tra una decina di giorni arrivano nei supermercati. CAPITE? L’agricoltura industriale vìola ogni legge naturale: dalle stagioni alle latitudini, contravvenendo a ciò che è il bisogno principale dell’ortaggio, cioè: sole e terra. Quelle zucchine non saranno zucchine, ma ne avranno solo l’aspetto. Attenzione! Come fa a maturare una zucchina coltivata in serra a novembre in Polonia (dove l’inverno è gia iniziato)? Facile! Riempiendole di prodotti chimici che si sostituiscono all’energia che la pianta prenderebbe dal sole e dalla terra! Ergo la zucchina è priva di energia vibrazionale (oltre che contaminata da agenti chimici).

In definitiva gli ortaggi e la frutta prendono le vibrazioni dal sole e dalla terra che li nutre, e se mangiati dopo poche ore o al massimo un paio di giorni sono pieni di energia vitale.

La carne è sconsigliata perchè un organismo complesso come quello animale perde tutte le sue vibrazioni dopo qualche ora, senza contare che la grande distribuzione conserva le carni per settimane nelle celle frigo prima che queste arrivino sui banchi dei supermercati.

Io sono vegetariano, ma non giudico chi mangia carne: tutti stiamo facendo il nostro viaggio, ed è giusto che ognuno faccia la propria esperienza, stiamo però trattando l’argomento da un punto di vista vibrazionale, quindi posso dire che la carne che arriva nelle vostre (di chi la mangia ) tavole è priva di ogni energia vibrazionale, senza contare il discorso etico, di impatto ambientale, e le tossine che quei poveri animali sono costretti ad assumere, e perchè no la paura e le scariche di adrenalina che si imprimono nelle cellule quando l’animale capisce che sta andando al macello.

Le verdure andrebbero consumate di stagione, di agricoltura bio, e fresche, quindi chi vuole nutrirsi energeticamente deve uscire dal “circuito supermercati” e trovare agricoltori diretti, piccole cooperative agricole dove recarsi e vedere con i propri occhi il campo coltivato, allora sarete sicuri che la verdura e la frutta saranno colti da poche ore 🙂 .

CONSIGLI PRATICI PER UN’ ALIMENTAZIONE VIBRAZIONALE

Il ritorno alla natura è il consiglio che mi sento di dare, la tecnologia ci ha dato tanto, ma non in questo campo. Avete idea di cosa fanno alla farina?

La farina di grano che è la base della vita per noi, viene impoverita ed ultra raffinata tanto che alla fine è soltanto polvere morta. Il grano andrebbe macinato prima di essere usato ed intero (integrale).

Il freezer danneggia gli alimenti, cioè gli toglie vibrazioni fino quasi a farle scomparire, usatelo il meno possibile: ogni verdura ha la sua stagione, ed è bello così!

La cottura delle verdure è una cosa alla quale fare attenzione, se non potete mangiarla cruda, fate cotture delicate senza superare certe temperature, bolliture prolungate distruggono tutte le vitamine ed i sali minerali inoltre alle vibrazioni.

Mi sono sempre chiesto perchè dobbiamo bere il latte vaccino quando si sa che il latte è l’alimento che la madre da al suo piccolo per svezzarlo! Ma se proprio non potete farne a meno cercate quello crudo e di allevamenti biologici.

In ogni pasto cercate sempre di mettere almeno una verdura cruda di stagione ad alto contenuto vibrazionale, anche un frutto maturo va bene.

L’acqua imbottigliata è morta perchè chiusa e ferma da mesi. La conduttività elettrica è il valore che dovete prendere in considerazione, più l’acqua conduce corrente elettrica più gli scambi cellulari a livello microscopico saranno favoriti e meglio è! L’acqua minerale imbottigliata è molto meno conduttiva di quella del rubinetto, basta solo filtrarla del cloro in eccesso.

Ciò che mangi finisce nel tuo sangue il quale nutre e sostiene tutti i tuoi organi tra i quali anche li tuo cervello ed il tuo sistema nervoso. La vista, l’udito e tutti i tuoi sensi fisici, ti collegano al mondo, la tua ghiandola pineale invece percepisce energie “sottili” ed energie-pensiero, risveglio spirituale significa la sinergia di questi sensi, significa guardare oltre il “velo”. Ciò di cui ti nutri è davvero, davvero importante…più di quanto ti hanno fatto credere!

1abbraccio

Andrea

Annunci

12 commenti su “Alimentazione vibrazionale

  1. Mi piace questo articolo, condivido quasi tutto… riguardo all’acqua ho un dubbio, però: la conducibilità dell’acqua non dipende unicamente dalla quantità di sali disciolti in essa? Se distilliamo l’acqua otteniamo una conducibilità bassissima, mentre se aggiungiamo sali gli ioni condurranno corrente elettrica… infatti per avere indicazioni sul “residuo fisso” si misura la conducibilità. Più c’è residuo fisso e più la conducibilità è forte. L’acqua del rubinetto contiene sali minerali, come il cloro, più o meno come le acque minerali in bottiglia, ma è più ossigentata perché si muove in un acquedotto e non sta chiusa in contenitori…

    • Ciao, l’acqua del rubinetto è sempre da preferire a quella imbottigliata che sia minerale o no. Il movimento ossigena ma al contempo riattiva gli ioni, in questo modo l’acqua è più conduttiva. Sulle bottiglie di acqua minerale c’è una targhetta dove oltre ai mineali è indicato anc he il grado di conduttività elettrica in Siemens (S), puoi confrontarlo con i valori dell’acqua del tuo rubinetto (di solito sono pubblicati sul sito del gestore o del comune), vedrai che l’acqua dell’acquedotto è migliore.

      • Si, certo, condivido che l’acqua del rubinetto è generalmente più conduttiva di un’acqua oligo-minerale che possiamo trovare al supermercato…
        Però volevo farti notare che questa frase non è proprio corretta, caro Andrea: “La conduttività elettrica è il valore che dovete prendere in considerazione, più l’acqua conduce corrente elettrica più gli scambi cellulari a livello microscopico saranno favoriti e meglio è! L’acqua minerale imbottigliata è molto meno conduttiva di quella del rubinetto, basta solo filtrarla del cloro in eccesso.”
        Ho fatto qualche ricerca e mi risulta che le acque in bottiglia hanno una vasta gamma di valori di conducibilità, in proporzione alla presenza più o meno grande di minerali disciolti in forma ionica. Questo link ti da una panoramica delle caratteristiche delle varie acque in commercio (http://www.nandoweb.it/SAL_ACQUE.HTM).
        L’acqua dell’acquedotto del comune di dove vivevo in Italia mi da un valore di Conducibilità di 551μS/cm con un contenuto di Residuo Fisso (a 180°) pari a 413mg/l. Se confrontiamo questi valori con l’acqua “Fabia”, ad esempio, (conducibilità di 583μS/cm e un residuo fisso pari a 426mg/l) possiamo vedere che non c’è praticamente differenza. Quindi il paragrafino del tuo Blog che cito non è del tutto corretto, mi sembra…
        Scusami se insisto ma se si pubblica qualche informazione è meglio che sia il più possibile esatta, non trovi?
        A proposito di mineralizzazione dell’acqua vorrei aggiungere una cosa. In un articolo sul Blog di GreenMe ho trovato come preparare un’acqua “viva” che al posto di minerali inorganici introduce minerali organici che la rendono completamente assimilabile dal nostro organismo. Dagli un’occhiata e dimmi cosa ne pensi, ok?
        Grazie
        un abbraccio 🙂

  2. Ciao, l’acqua che tu citi non è l’unica sul mercato. Facendo una media (matematica) di tutte le acque imbottigliate e confrontandola con la media delle acque pubbliche europee (considerando che i territori montani alzano di molto la media) si hanno dati più attendibili. Inoltre i valori di conduttività riportati sulle etichette delle acque minerali sono da considerarsi al momento dell’imbottigliamento o in alcuni casi addirittura alla sorgente, valore destinato a scendere con la conservazione che varia da un minimo di alcune settimane fino a sfiorare un anno di invecchiamento. Conservazione che purtroppo a volte avviene anche contro le regole (es.: lasciare bancali interi di acqua imbottigliata sotto al sole). Per completare il discorso aggiungo che l’acqua imbottigliata ha un costo eccessivo ed un enorme impatto ambientale dovuto dalla produzione delle bottiglie (PET) con tutto ciò che ne concerne, dal trasporto che avviene quasi esclusivamente su gomma e dallo smaltimento delle bottiglie vuote. Per quanto riguarda l’articolo che mi segnali lo leggerò. Grazie del contributo.

  3. Pingback: Hai compreso la Tua natura? | EnergiaPura

  4. Pingback: Dialogo interiore | EnergiaPura

  5. Pingback: Vacanza consapevole… | EnergiaPura

  6. Pingback: Mente e corpo una sola cosa | EnergiaPura

  7. Ciao Andrea non posso fare altro che condividere tutto quello che hai scritto, anzi Ti ruberò qualcosa per un mio seminario di agricoltura quantistica ed alimentazione del mese di dicembre. Nel mio gruppo, se hai avuto modo di leggere qualcosa, noi proponiamo l’agricoltura quantistica che è già realtà, i primi alimenti sono già presenti sulle tavole di quei consumatori attenti che hanno avuto modo di apprezzare la bontà (vibrazionale ) di questi prodotti. Le testimonianze di alcuni nostri sostenitori con le proprie esperienze incoraggiano ad andare avanti e che la strada intrapresa è quella giusta, un abbraccio Giuseppe Distefano amministratore del gruppo “Agricoltura Quantistica ed Alimentazione”.

    • Ciao Giuseppe,
      ho visto cosa proponi nel gruppo e lo apprezzo, per me l’alimentazione vibrazionale è una routine ormai da anni quindi non posso che farti i complimenti!
      Le persone apprezzano sempre più e si stanno risvegliando dal torpore indotto da condizionamenti vari (quello che io chiamo ipnosi di massa), quindi che altro dire se non: avanti così! Grazie Giuseppe.
      1 abbraccio 🙂
      Andrea

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...